Reader’s 31 dicembre 2022. Rassegna web

Almeno per me, non ricordo anno peggiore di questo nella mia lunga e, tutto sommato, fortunata esistenza. Per la salute anche, ma non solo. La pandemia, la guerra e la vittoria elettorale della destra. L’ignoranza colpevole della politica di fronte alle piaghe e alle minacce che affliggono l’umanità, dalla guerra mondiale “a pezzi” alla crescita delle disuguaglianze. L’incredibile, ostinata difficoltà a comprendere che nessuno può salvarsi da solo e che un impegno onesto per il bene comune non vuol dire “sacrificarsi” ma provvedere saggiamente anche al proprio interesse.

A questo dovrebbe puntare l’educazione, in famiglia e nella scuola. Se non fossimo tanto indietro nell’evoluzione dell’homo sapiens, l’insensato spreco di risorse umane e materiali nelle guerre e nella corsa agli armamenti non sarebbe neppure concepibile. Ma non è vero che l’evoluzione proceda sempre con gradualità. Accade anche che vi siano dei “salti” da un’epoca all’altra, per un concorso di circostanze buone o cattive.

E come le inattese dimissioni del Papa oggi scomparso consentirono alla predicazione di Papa Bergoglio di portare la Chiesa nella modernità, fuori dalla sua dimensione sacrale, così dalle sofferenze “globali” di questi anni potrebbe venire l’aiuto per una nuova consapevolezza del destino comune e di comuni obbiettivi. È il mio migliore augurio per il 2023. (nandocan)


Grazie, Papa Benedetto

di Luigino Bruni (Avvenire)

Benedetto XVI, Joseph Ratzinger, ci ha lasciato nell’ultimo giorno dell’anno. Un giorno particolare, saliente, come lo è stata la sua vita. Papa Benedetto XVI e l’uomo, il professore, il sacerdote Joseph Ratzinger sono vissuti l’uno accanto all’altro, e in quasi dieci anni di pontificato.

In genere, la valutazione morale di un’esistenza non è data dalla media di tutti momenti della vita né dalla somma; quasi sempre, soprattutto nelle vite di donne e uomini con un compito da svolgere, il senso dell’intera esistenza dipende da pochi atti, qualche volta da un solo atto decisivo quello che svela il nostro destino.

Non è stata facile l’attività pastorale e teologica di Joseph Ratzinger. Uomo del concilio ne è stato interpretee e protagonista, ma poi ha dovuto attraversare la più grande crisi della chiesa dal medioevo: la post-modernità e quindi la fine della Christianitas (che neanche il concilio aveva colto).

La crisi, le paure, le incertezze e le ambivalenze di BXVI sono state quelle della sua chiesa. Una chiesa che lui ga amato più di se stesso, e quell’atto straordinario di rinuncia (molto simile a quello di Celestino), ha fatto del suo pontificato qualcosa di grande. Perché con quel gesto ha portato, sua insaputa, la chiesa nella post modernità: come avviene raramente nella storia, si teme con la ragione qualcosa per tutta la vita, poi un gesto fa fare alla carne ciò che il logos non sapeva fare.

Quelle dimissioni hanno posto fine alla visione sacrale del papato, lo hanno riportato alla sua dimensione evangelica di servizio, e così ha cambiato la storia dei futuri papi. E tornando Joseph Ratzinger dopo Papa Benedetto, ci ha detto, senza dirlo, che ogni uomo è più grande del proprio destino; è così è morto come era nato, Joseph, Adam, figlio della terra, come tutti. Non è facile lasciare la terra col nome col quale ci siamo arrivati, portando in dote tutti gli altri nomi del cammino.

Grazie Papa Benedetto, grazie Joseph Ratzinger: grazie per l’amore immenso alla chiesa, grazie per essere riuscito ad uscire di scena da vero uomo umile, grazie per la Caritas in Veritate, forse l’enciclica papale con le parole più belle e buone sull’economia; grazie per aver custodito il vangelo, per aver custodito una voce. Buon volo padre, buon volo fratello.


Un papa distante

di Massimo Marnetto

Benedetto XVI per me è stato un papa distante. L’ ”operaio della vigna” – come si è definito appena eletto – non aveva i calli, perché aveva passato la sua vita a sistemare gli attrezzi per governarla. Appassionato di teologia, viveva con inadeguatezza la guida di una struttura complessa come la Chiesa Cattolica. Un’impreparazione che si tradusse in analisi scorrette, come quando identificò la causa della pedofilia nella liberazione sessuale del ’68; o quando denunciò l’omosessualità come espressione dell’Anticristo.

Fu anche privo di intuito diplomatico nel dialogo interreligioso, che pure gli stava a cuore. Nel 2006 a Ratisbona citò un passo in cui si identificava l’Islam come religione violenta, umiliando così i musulmani moderati impegnati nella denuncia dei fondamentalismi. Nel 2009, revocò la scomunica al vescovo lefebvriano Richard Williamson, che aveva negato la shoah e persino sull’esistenza delle camere a gas, provocando la reazione delle comunità ebraiche. Tutto troppo complesso per un uomo che si era rifugiato da sempre nei libri.

Ecco, quindi, le dimissioni e la clausura che vanno rispettate, ma mai più un papa che non sia stato un parroco.


Doveva essere l’anno della liberazione dalla Pandemia invece c’ha portato la guerra in Ucraina

di Ennio Remondino

Dopo due anni di pandemia, il 2022 doveva essere un anno liberatorio, e invece è arrivata l’invasione russa dell’Ucraina. Guerra fredda Usa-Russia e tensione Usa-Cina su Taiwan. I prezzi dell’energia si sono impennati, e l’inflazione è schizzata alle stelle, mentre la globalizzazione sembrava andare in frantumi.
Nubi sulle nostre teste, ma sembra che all’orizzonte le nubi si stiano diradando, dice Ispi, l’istituto di studi di politica internazionale, a cui noi piace credere. «Il conflitto in Ucraina sembra entrato in una fase di stallo. L’Europa si è rifornita di approvvigionamenti di gas sufficienti a passare l’inverno. Il calo dei prezzi del grano hanno scongiurato una crisi alimentare mondiale. E l’inflazione sembra finalmente aver rallentato la propria scalata».
«Ma la tempesta è lungi dall’essere passata», e così non possiamo che guardare circospetti al 2023, col dubbio se la quiete sia realmente in arrivo.

La guerra russo-ucraina a sconvolgere tutto

La guerra russo-ucraina resterà un fattore chiave nei processi politici ed economici su scala mondiale nel 2023. Nei tre decenni successivi alla fine della Guerra Fredda, in Europa non sono mancati conflitti militari, nei Balcani occidentali, nel Caucaso meridionale e settentrionale e nel Donbass. Guerre che hanno avuto un’influenza limitata sulla vita sociale ed economica del continente e del mondo. L’invasione russa in Ucraina ha invece favorito numerosi cambiamenti nell’assetto geopolitico globale. Quali scenari prossimi possiamo immaginare?

Scenario #1: conflitto militare prolungato

Se tutte le parti in conflitto continueranno ad aumentare le dotazioni di armi e personale delle proprie truppe, lo scenario più probabile per il 2023 sarà il protrarsi della guerra in Ucraina. Né Kiev né Mosca comunicano direttamente ed entrambe le parti sembrano ancora impreparate a entrare nella fase dei colloqui di pace. Conseguenze, un’escalation del numero di vittime tra civili e combattenti. Problema emigrazione dall’Ucraina verso l’Europa e la Russia e ritorni degli emigrati nel 2022. Le sanzioni contro la Russia avranno anche ripercussioni per le economie occidentali. Nessuna delle economie del continente europeo sarà in grado di sostenere il tenore di vita che aveva prima del 2022.

Scenario #2: accordo di pace instabile

«C’è tuttavia ancora la possibilità di una sorta di accordo che potrebbe rallentare o congelare il conflitto per qualche tempo», afferma lo studioso di politica e storico ucraino Mikhail Minakov. La guerra ucraina ha minato la reputazione delle forze russe ‘secondo esercito più potente del mondo dopo gli Stati Uniti’. La sua debolezza potrebbe motivare il Cremlino ad accettare una qualche forma di armistizio provvisorio con Kiev. Lo stesso per parte ucraina, per far cessare la distruzione delle sue città, del sistema energetico e delle infrastrutture critiche. Tuttavia, le parti coinvolte nella guerra non hanno raggiunto i loro scopi e la pace in Ucraina potrebbe essere solo temporanea.

Impatto sicurezza dalla guerra

La guerra in Ucraina ha un impatto anche sulla sicurezza dei paesi europei ed eurasiatici. Tre i gruppi di paesi per grado di insicurezza. I paesi del primo gruppo, Bielorussia, Moldavia e almeno sette regioni della Russia occidentale e sud-occidentale, a rischio che la guerra in Ucraina finisca per coinvolgere anche il loro territorio. Nei paesi del secondo gruppo, Moldavia, paesi dell’Asia centrale, Caucaso meridionale e Balcani, i conflitti congelati di un tempo rischiano di uscire dal loro stato di ibernazione, e possono scoppiare con rinnovato vigore. Nel terzo gruppo, che comprende altri paesi europei, diverso modello socioeconomico e cambiamenti politici legati alla guerra possono favorire la presa di potere da parte di gruppi populisti.

Questo fenomeno potrebbe (come già succede) accelerare la corsa agli armamenti e portare le nazioni libere a una svolta illiberale o a una terza ondata di ‘autocratizzazione’ in entrambi i continenti.

Minaccia di una Russia troppo debole

Tra fallimenti bellici e un’economia in declino, la Federazione Russa è una potenza che si indebolisce rapidamente, e questo significa un vuoto di potere nell’Europa orientale e nell’Eurasia settentrionale. L’Occidente, la Cina, la Turchia e l’Iran avranno l’opportunità di aumentare la loro presenza col rischio di nuovi conflitti tra di loro per un’influenza sulla regione. La Russia isolata e impoverita entrerà molto probabilmente nell’area di sempre maggiore influenza della Cina. Se ciò accadrà, il blocco nell’Europa orientale potrebbe entrare a far parte della Grande Eurasia guidata da Pechino, mentre la prospettiva europea per i paesi dell’Europa orientale diventerà molto probabilmente irrealistica.

Economia: l’inflazione cede il passo alla recessione?

Il 2022 è stato un anno all’insegna della guerra e dell’inflazione con l’aggressione russa contro l’Ucraina praticamente inaspettata. La ripresa della domanda repressa durante la pandemia, i colli di bottiglia nelle catene di approvvigionamento e i prezzi dell’energia alle stelle hanno spinto l’inflazione fino a quasi il 10% nelle nazioni industrializzate, un livello inconcepibile da quando, inizio anni ’90, sono applicati regimi monetari studiati proprio per il controllo dell’inflazione. Problema 2023, «possibili alcune sorprese positive per l’economia cioè una crescita superiore alle stime e inflazione più bassa del previsto a condizione che non si verifichi una escalation della guerra», la previsione dell’economista ungherese Zsolt Darvas per Ispi.

Tutti i problemi da superare

I prezzi dell’energia continueranno a essere alti e molte aziende potrebbero non essere in grado di sostenerli, vedendosi costrette a chiudere. Ciò porterebbe a una riduzione della produzione e a un rialzo dei prezzi.
I colli di bottiglia delle catene di approvvigionamento continueranno.
L’ ‘inflation core’ (un indicatore che non tiene conto dei prezzi degli alimenti e dell’energia) è arrivata quasi al 5% nell’Eurozona, mentre negli USA e in Regno Unito si registrano tassi più elevati
e il potere di acquisto delle famiglie si riduce.
Gli indicatori di fiducia rilevati dai sondaggi sono in calo.
I tassi d’interesse delle Banche Centrali sono al rialzo.

LEGGI TUTTO


  • Reader’s – 31 gennaio 2023. Rassegna web
    Se l’incoscienza di qualche potente, magari alimentata anche da una sciagurata corsa agli armamenti, è giunta al punto di prendere in considerazione il rischio di un conflitto mondiale per l’Ucraina, la sola possibilita’ di salvare il pianeta da un disastro definitivo è la stessa deterrenza tra i blocchi che lo ha salvato nei settant’anni trascorsi. E l’equilibrio del terrore richiede che la Cina, pur restandone saggiamente al di fuori pensando ai suoi guai col Covid e alla sua economia, non rinneghi la solidarietà politica con la Russia. Ne scrive oggi Piero Orteca su Remocontro. La rassegna prosegue con alcune considerazioni di Alessandro sulla candidatura di Cuperlo alla segreteria del PD, resa improbabile dal troppo tempo trascorso in una lodevole quanto rassegnata opposizione. Seguono un breve commento di Marnetto sul caso Cospito e un’interessante accostamento di Dio all’inconscio proposto da Giovanni Lamagna. Buona lettura (nandocan)
  • Reader’s – 30 gennaio 2023. Rassegna web
    A chi mi chiede se voterò alle primarie rispondo di sì, anche se non ho più rinnovato la tessera da quando Matteo Renzi decise di mobilitare il partito per quell’obbrobrio di riforma costituzionale che era il progetto Renzi-Boschi. Per Elly Schlein, naturalmente, come l’amico Cipriani, l’unica che mi pare dia qualche garanzia di fare finalmente […]
  • Reader’s 28 gennaio 2023 rassegna web di
    Insomma, solo determinate organizzazioni depositarie del marchio “massoneria” possono fregiarsi di essere massoniche. In Italia non vi è una legge al riguardo e ciò avrebbe favorito la proliferazione di moltissime organizzazioni sedicenti massoniche il cui scopo è l’affarismo e non certo “l’arcana sapienza”.
  • Reader’s – 27 gennaio 2023. Rassegna web di
    è chiaro che a “resistere” sono, di fatto, Nato, USA, UE mentre gli ucraini mettono “solo” decine di migliaia di morti, militari e civili, cinicamente sacrificati alla duplice e speculare follia di risolvere una controversia fra Stati attraverso una violenza che né riesce a respingere l’invasione russa, né consente ai russi di costringere l’Ucraina alla resa
  • Reader’s – 26 gennaio 2023 rassegna web
    Sul Corriere della Sera il dubbio ben rappresentato dalla illustrazione di Doriano Solinas. «C’è il pericolo che il gigantesco sforzo finanziario determini profitti per i produttori di armi più che apprezzabili risultati politici e la pace in Ucraina». Massino Nava sull’Europa e l’Occidente nella corsa al riarmo, dopo che Piero Orteca ci ha detto dell’economia russa che va molto meno peggio di quanto vorrebbero i suoi molti nemici. Mentre la nostra di casa paga di più sia le sanzioni che il gas non più russo. Conti economici da brivido, e molti dubbi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: