Reader’s – 30 dicembre 2022. Rassegna web

Pelé

Sei stato un grande, certamente uno dei migliori mai esistiti. In campo e fuori. Il rappresentante più dotato di un calcio pulito, elegante, mai sopra le righe. Il tuo esempio resterà per sempre, per le giovani generazioni e per chiunque ami questo sport.
Il tuo nome è stato sinonimo di classe e magia, e ha rappresentato per decenni un modello di stile e FairPlay.
Che la terra ti sia lieve, grande campione.

(Massimiliano Smeriglio su Facebook)


“Nessun linciaggio mediatico se il reportage riguarda un’indagine di interesse generale”

La sede della Corte Europea dei diritti dell’uomo

Per la Corte europea dei diritti dell’Uomo la tutela della libertà di stampa prevale sul diritto alla presunzione di innocenza se in gioco c’è il diritto dei cittadini a sapere. Come ribadisce Marina Castellaneta nel commento a una recente sentenza dei giudici di Strasburgo. Ecco cosa scrive.

La collettività ha diritto di ricevere informazioni su questioni di interesse generale, inclusi i procedimenti penali in corso perché deve poter esercitare il proprio diritto a supervisionare il funzionamento della giustizia penale. E questo – scrive la Corte europea dei diritti dell’uomo nella sentenza del 13 dicembre 2022 – anche quando la vicenda al centro di un reportage televisivo è ancora nella fase iniziale di un’inchiesta. Ad accendere i riflettori sulla spinosa questione è, ancora una volta, la professoressa Marina Castellaneta, che sul suo blog pubblica un commento alla decisione dei giudici di Strasburgo sulla vicenda RTBF contro Belgio.

Inoltre – spiega ancora Castellaneta – l’assenza di comunicazioni ufficiali da parte delle autorità inquirenti porta la Corte di Strasburgo a tutelare in modo ancora più ampio l’attività del giornalista che permette la diffusione di informazioni di interesse generale anche mettendo in guardia la collettività da alcuni rischi, con una sostanziale prevalenza della libertà di stampa sul diritto alla presunzione di innocenza.

Questi i fatti. La radiotelevisione pubblica belga (RTBF) era stata citata in giudizio, in sede civile, da una coppia la quale sosteneva che era stato violato il loro diritto alla presunzione di innocenza perché l’emittente aveva trasmesso un reportage su presunti abusi sessuali nei confronti di minori e sul ruolo, in qualità di organizzatori di incontri di wrestling femminile, della coppia. Nel servizio televisivo si sottolineava che gli incontri si erano svolti anche nella palestra di una scuola. Il giornalista aveva saputo della presentazione di una denuncia da parte di una ragazza e aveva svolto un’inchiesta dalla quale risultava che alcuni incontri di lotta erano stati registrati e poi commercializzati.

Il reporter era stato avvertito di una perquisizione nell’abitazione della coppia e aveva effettuato delle riprese mentre la polizia entrava nella casa dei coniugi i quali, in seguito, avevano accettato di essere intervistati dall’autore del servizio. Tuttavia, successivamente i coniugi si erano rivolti ai giudici civili chiedendo un risarcimento per i danni subiti a causa di quello che loro definivano un “linciaggio mediatico”.

I giudici belgi, in primo grado, avevano condannato la società televisiva a versare 2.500 euro, somma ridotta a un euro simbolico da parte della Corte di appello. L’azienda televisiva riteneva leso l’articolo 10 della Convenzione (che tutela il diritto alla libertà di espressione) e ha fatto ricorso alla Corte europea che ha fatto prevalere la tutela della libertà di stampa proprio in ragione dell’interesse pubblico delle informazioni trasmesse e per la circostanza che, proprio grazie al servizio televisivo, la collettività era informata sul funzionamento del sistema giudiziario penale e sui pericoli che potevano correre le ragazze.

LEGGI TUTTO

Correnti PD

di Massimo Marnetto

Non sono contrario alle correnti nel PD, ma occorre intenderci. Non bisogna aver paura delle correnti se tutte condividono lo stesso progetto sociale, fondato sugli stessi valori, benché si differenzino sulle modalità per realizzarlo (uniti sul cosa, divisi sul come).

Occorre invece preoccuparsi se in uno stesso partito esistono due visioni diverse di società. Allora le correnti non sono più dialettica per raggiungere lo stesso obiettivo, ma fazioni con obiettivi diversi, che distruggono l’identità del partito.

Come avvenne quando Renzi portò il PD a ridurre le tutele dei lavoratori (abolizione dell’art. 18, Jobs Act, ecc.) per prendere voti a destra. Allora non creò una corrente, ma una fazione che distrusse l’identità filo-operaia del partito. Il PD si rifonda se sceglie da che parte stare; muore se continua a voler piacere a tutti.


  • (senza titolo)
  • Reader’s – 8 febbraio 2023 rassegna web
    All’attenzione di Elly Schlein, che ritengo il candidato alla segreteria più adatto a favorire quest’ultima possibilità per il PD di darsi un’identità di sinistra, vorrei rivolgere oggi l’invito a dare un’occhiata ed eventualmente sottoscrivere un appello internazionale che ripropone con forza la via negoziale ad un conflitto che “rafforza la politica dei blocchi contrapposti e fomenta la corsa gli armamenti e la militarizzazione, generando l’aumento delle spese militari degli stati ed enormi profitti per l’industria bellica”.
  • Reader’s – 7 febbraio 2023. Rassegna web
    I grandi quotidiani ieri oggi e domani Alessandro Gilioli su Facebook E’ interessante vedere come i quotidiani, in Italia, reagiscono alla crisi mondiale dei quotidiani. Il Corriere, ad esempio, prosegue la sua trasformazione veloce verso la formula del settimanale super popolare: tanti personaggi (quasi sempre televisivi), gossip, intrattenimento, casi umani, storie di vita, un po’ […]
  • Reader’s – 5 / 6 febbraio 2023 rassegna web
    Cospito peserà sulle coscienze. Altro che citare a pappagallo l’indifferenza è reato. Occorre riprendere a tessere una politica realmente alternativa a quella della destra che fa esattamente la sua politica. Oggi se la prendono con i ragazzini in piazza, puniscono con durezza i lanciatori di vernice lavabile che si battono per salvare la terra, domani continueranno. È il loro modo di essere, non lo scopriamo adesso.   Ma se ha senso la democrazia, occorre ripensare alla banalità del male, soprattutto quando veste la disumanità delle istituzioni.
  • Reader’s – 4 / 5 febbraio 2023. Rassegna web
    Il molisano Michele Prospero, ordinario di Filosofia del diritto all’Università “La Sapienza” di Roma, pur essendo relativamente giovane (63 anni) è, tra gli intellettuali marxisti più noti, un avversario accanito di quelle che chiama le “soluzioni nuoviste” per la sinistra italiana, a cominciare da Conte e i Cinque Stelle. Non sorprende che tra le candidature […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: