Reader’s – 26 aprile 2022 (rassegna web)

BIP, democrazia digitale

Mask, l’uomo più ricco del mondo, vuole comprarsi Twitter e Massimo Marnetto si preoccupa per la libertà di pensiero. È una delle piattaforme più vaste nel web, ma “la politica si astiene da ogni vera regolazione, scrive il nostro, per non entrare in conflitto con il capitalismo più redditizio del momento: il business della reputazione. Cioè quel bip che avvisa del messaggino appena arrivato e pretende attenzione perché in ballo c’è la cruciale quotazione del proprio io o quello degli altri”.

Chi possiede le leve di questo “giudizio digitale continuo” può con un dito provocare siccità informativa o grandinate di fake. Di fronte a questo enorme pericolo, “è ora – chiede Marnetto come da tempo tanti altri come noi – che la politica tuteli la democrazia digitale dal potere del capitale, con regole contro esclusioni e manipolazioni. Non mi fido dei miliardari”.


Tra Macron e Le Pen anche una nuova ‘gauche’

Massimo Nava, giornalista, editorialista del Corriere della sera che da Parigi collabora anche con Remocontro, segnala il successo dell’appello rivolto agli elettori di domenica scorsa dal leader di “France insoumise”, Jean Luc Melenchon, affinchè «non un solo voto» andasse all’estrema destra. E giustamente “ritiene che sette milioni e settecentomila schede, pari al 22 per cento, quattrocentomila meno della Le Pen, valgano molto più di un serbatoio per conto terzi e di una pur onorevole sconfitta.”

Mélenchon premier e sinistra federata

«Messi da parte sogni presidenziali, ne ha subito venduti altri due ai sostenitori: essere primo ministro e unire le truppe sparse della sinistra, dal partito socialista – ormai ridotto ai minimi termini – ai verdi, dai comunisti ai radicali».

“Il primo è aleatorio, commenta Nava, essendo improbabile un ticket Macron-Mélenchon, benchè il presidente abbia inseguito l’elettorato ecologista e di sinistra nell’ultimo scorcio di campagna elettorale….Il secondo sogno è realizzabile per due ragioni : lo stato comatoso dei partiti della “gauche” e il carisma indiscutibile del vecchio Jean-Luc, il quale, a 71 anni, ha saputo conquistare l’elettorato giovanile (è la prima scelta fra gli elettori sotto i trent’anni), recuperare il voto popolare tentato dalla Le Pen, sedurre la sinistra intellettuale ed ecologista orfana di figure carismatiche, attrarre francesi di origine straniera, di religione musulmana e delle ex colonie.

Un nonno simpatico ma deciso

“Mélenchon, nonostante il ghigno burbero stampato sul faccione quadrato, sa essere dolce e simpatico. Nonostante la rabbiosa retorica rivoluzionaria, sfodera cultura e humor, frutto di ottime e intense letture. È un nonno che piace e rassicura giovani, disoccupati, decaduti della globalizzazione.

A milioni di francesi scontenti ed esclusi, propone un progetto de-ideologizzato di giustizia sociale e sviluppo sostenibile, la cui realizzazione è possibile con tasse sui redditi più alti e attraverso una rifondazione solidale dell’Europa comunitaria, oggi – secondo Mélenchon – al servizio dei capitali, succube di diktat fiscali, non autonoma dagli Stati Uniti, divisa su politiche di accoglienza e difesa.”

Meno Usa e meno Nato

“Ci sono punti di contatto con il programma sociale della Le Pen e una visione sovranista-gollista dei rapporti con Bruxelles. In un’intervista al settimanale La Croix, a proposito di Nato e Ucraina ha detto : «La NATO è una macchina per creare problemi, uno strumento dell’impero americano in declino. Ma distinguo questo argomento dall’Ucraina, perché la responsabilità della guerra è sulle spalle di Putin. Non è stata la Nato a violare il confine con i suoi carri armati». Prese le distanze da Putin, Mélenchon, come la Le Pen, è tuttavia contrario all’embargo delle forniture energetiche, perché “soltanto lo zio Sam si riempirà le tasche

Scelte politiche alla legislative di giugno

“La distanza in politica estera potrebbe essere un ostacolo per i sogni di governo, benché le sue valutazioni circolino sottovoce nel panorama politico del Paese. Molto dipenderà dall’esito di quello che lui definisce «terzo turno», le legislative di giugno. Il sistema elettorale non prevede proporzionale e potrebbe penalizzare sia Mélenchon sia Le Pen. Sarebbe l’ennesima beffa di un sistema che non consente a milioni di elettori un’equa rappresentanza all’Assemblea”.


Il capo del Pentagono: Vogliamo vedere una Russia indebolita

Della Visita lampo a Kiev del Segretario di Stato Usa, Antony Blinken, e del capo del Pentagono, Llyod Austin scrive Piero Orteca su Remocontro. L’obiettivo, ha spiegato il capo del Pentagono è sfiancare l’offensiva di Mosca a medio termine: «Noi vogliamo vedere la Russia indebolita a un livello tale che non possa più fare cose come l’invasione in Ucraina». Cioè, non bisogna avere studiato geopolitica e strategia militare, per capire che la Casa Bianca spera che Putin dissangui il suo esercito e mandi in bancarotta le finanze dello Stato. Per ottenere questo risultato, è chiaro, la guerra deve continuare. Da qui la scelta dell’Amministrazione Biden e, a cascata, della Nato, di armare Kiev fino ai denti, anche con mezzi offensivi e più letali.

Si alza la soglia dello scontro

Tra le altre cose, Lloyd Austin ha anche detto che “gli ucraini, se ben riforniti di armi e di attrezzature, possono ancora vincere il conflitto”. La stessa tesi, in sintesi, è stata sostenuta dal Segretario di Stato, Antony Blinken….Insomma, Biden non ha alcun ripensamento e continua ad andare all’attacco.

“Che il tempo volga al peggio e che l’ago del barometro vada verso la burrasca, è testimoniato dalla reazione di Putin e di Lavrov. Ieri, al Cremlino la tensione si tagliava a fette e il Presidente ha lanciato un pesante avvertimento “a coloro che vogliono distruggere la Russia dall’interno”. Cosa che farebbe pensare a non meglio precisate accuse complottistiche. Azioni, naturalmente, organizzate dall’estero. Il Ministro degli Esteri, invece, ha parlato, addirittura, di Terza guerra mondiale. Intanto, in Ucraina, continuano ad arrivare armi sempre più pesanti e tecnologicamente avanzate.

‘Neutralità qualificata’ o ‘cobelligeranza’

“Dall’inizio dell’invasione russa, due mesi fa, gli Stati Uniti hanno inviato a Kiev rifornimenti per quasi 4 miliardi di dollari. Austin, a Varsavia, ha annunciato lo stanziamento di altri 730 milioni di dollari per l’Europa e 335 per l’Ucraina. Anche se ora si apre un problema che comporta dei rischi imprevedibili. Le nuove armi devono essere accompagnate da istruttori, che insegnino a usarle.

A questo punto si fa sempre più labile il confine che divide la “neutralità qualificata” dalla “cobelligeranza”. Insomma, c’è il rischio concreto di avvitarsi in una escalation, che nessuno più riesca a controllare. E che porterebbe dove temono tutti.

L’America vuole la Russia sconfitta

Tutti abbiamo capito che Putin ha scatenato una guerra di conquista, anche se nemmeno lui, forse, ha degli obiettivi chiari in testa. Paradossalmente, invece, Jonathan Beale, esperto militare della BBC, ci dice quello che vuole Biden: “La verità è che gli Stati Uniti sono sempre più profondamente coinvolti in questa guerra”, come è stato sottolineato dalle parole del Segretario alla Difesa. 

L’America ha aumentato drasticamente la fornitura di armi all’Ucraina nelle ultime settimane. Nonostante gli avvertimenti russi. È chiaro che ne invierà di più. Le parole di Austin sottolineano che gli Stati Uniti non sono spettatori in questa guerra. “L’America vuole vedere la Russia sconfitta”.


E a questo punto mi pare giusto concludere la puntata di Reader’s con una domanda che il collega dell’Espresso Sandro GIlioli pone a se stesso sulla sua pagina Facebook:

Io credo che davvero ci sia un intento etico, un principio morale nei tanti che vogliono difendere l’Ucraina dall’aggressione russa. Un autentico “non possiamo voltare le spalle a una democrazia invasa da un autocrate”. Però poi mi chiedo se questa internazionalizzazione del conflitto già in corso – e questa sua trasformazione graduale da conflitto regionale a guerra tra Nato e Russia – non porti a una questione etica maggiore.

Fare scoppiare una guerra tra Nato e Russia che valore morale avrebbe? Che forza di legge etica avrebbe andare cantando verso un conflitto in cui altri paesi e altre città diventano parti e vittime del conflitto, e altre centinaia di milioni di persone si impoveriscono fino all’emergenza alimentare? Siamo sicuri che per rispondere a un imperativo etico non stiamo andando a violarne uno maggiore?

  • Reader’s – 24/25 settembre 2022. Rassegna web
    Per la prima volta nella mia lunga vita e per motivi indipendenti dalla mia volontà (barriere architettoniche, complicazioni burocratiche per chi si trova provvisoriamente nell’impossibilità di muoversi con le proprie gambe fino alla cabina elettorale) non andrò a votare alle elezioni politiche. Anche se mai come questa volta avrei sentito la necessità di non far […]
  • Reader’s – 23 settembre 2022. Rassegna web
    Il salto di scala militare è immediatamente salto di scala politico e geopolitico. E si spera che il terrore per il famigerato bottone nucleare faccia finalmente il miracolo di mettere in testa a una classe priva di senso della storia che la guerra in Ucraina non è una guerra regionale in cui basta schierarsi dalla parte dei valori democratici perché il cattivo perda e tutto torni al posto suo: è una guerra destituente e costituente dell’ordine mondiale, dopo la quale, e comunque vada a finire, al posto suo non tornerà niente. Questione epocale, sulla quale non una sola parola è stato possibile ascoltare nella ridondanza mediatica e comunicativa della campagna elettorale italiana. Dove la guerra ha giocato un ruolo sorprendentemente bifronte.
  • Reader’s 22 settembre 2022. Rassegna web
    Siamo in molti a notare come in questa breve campagna elettorale si sia parlato ben poco della guerra in Ucraina e del ruolo che potrebbero avere Italia ed Unione europea nel tentativo di giungere ad una soluzione del conflitto nel più breve tempo possibile. È vero che da sinistra si continua a invitare l’Europa a prendere l’iniziativa, magari affidandosi all’esperienza dell’ex cancelliera Merkel come propone qualcuno, ma senza crederci troppo, nella consapevolezza che chi, con l’invio delle armi, è co-belligerante di fatto non possa accreditarsi anche per il ruolo di mediatore. D’altronde, l’auspicata autonomia dell’ Unione Europea dalla Nato mi pare piuttosto teorica, quella dell’Italia dagli Stati Uniti ancora di piú.
  • Reader’s 21 settembre 2022 rassegna web
    I capelli delle donne vanno coperti perché sono belli e inducono gli uomini in tentazione. E si sa, un uomo eccitato perde lucidità e non si calma se non dopo un amplesso. Per evitare questo ”disordine”, il dio mussulmano (ma non solo) impone alle donne di coprirsi i capelli con un velo. Le donne più coraggiose – come Masha Amini – si ribellano e per questo vengono picchiate e uccise dalla Polizia Morale iraniana.
  • Reader’s – 17/18 settembre 2022. Rassegna web
    Alternanza sì ma nel rispetto della democrazia (e per favore non sparate sulla Costituzione) Il dibattito elettorale diviene ogni giorno più acceso in vista del voto del 25 settembre, è rimasta però una sorta di autolimitazione che vieta di invocare l’antifascismo come dimensione di senso che dovrebbe orientare le scelte di voto del popolo italiano. […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: