Reader’s – 21 maggio 2022 (rassegna web)

C’è qualcuno che lo fa, “qualcosa di sinistra”. Non lontano da noi, senza dover ricorrere a un banchiere neoliberista per tenere insieme una maggioranza in Parlamento. “Dopo il via libera del Bundesrat ora è ufficiale: dal 1 giugno viaggiare sui trasporti pubblici in Germania costerà solo 30 centesimi al giorno, praticamente gratis. Nove euro al mese per novanta giorni.

Una vera rivoluzione della mobilità di massa

“Innescata dalla tariffa sociale varata d’urgenza dal governo Scholz e rapidamente approvata da entrambi i rami del Parlamento. Obiettivo: alleg- gerire il caro-energia per 13 milioni di pendolari che ogni giorno si spostano sul territo- rio nazionale”.

“Chiunque utilizzi treno, metropolitana o bus contribuisce in modo rilevante a rendere il Paese indipendente dalle forniture energetiche russe, mentre ci permette di compiere un altro importante passo sulla strada della neutralità cli- matica» è la ragione del maxi-sconto riassunta dal ministro dei Trasporti, Volker Wissing (Fdp)”.

“Costo del provvedimento: 2,5 miliardi di euro già accantonati nel bilancio federale all’inizio del mese.
Servirà in parallelo anche a rilanciare il turismo nella Germania trasformata d’ufficio e improvvisamente nella mecca europea delle vacanze low-co- st. Il ticket «9×90» sarà acqui- stabile da chiunque attraverso la biglietteria on-line o la App di Deutsche Bahn già a partire da lunedì prossimo.


Comuni prigionieri di guerra?

Si chiede Remocontro nel commentare la cronaca della giornata di ieri in Ucraina. Venerdì sera la Russia ha dichiarato concluso l’assedio dell’acciaieria Azovstal, il grande sito industriale dove per settimane centinaia di soldati ucraini, principalmente del discusso battaglio Azov, hanno resistito agli attacchi dell’esercito russo.

Secondo la Russia, in tutto dall’acciaieria Azovstal si sono arresi 2.439 soldati, anche se è impossibile verificare questo numero da fonte indipendente.

Amnesty Italia: «I prigionieri di Azov processati sono protetti dal diritto internazionale. Non possono essere portati in Russia e vanno restituiti a Kiev finita la guerra».
«Eventuali processi per crimini di guerra all’Aja»

Nel corso dell’ultima settimana, man mano che gli ucraini si arrendevano, i media russi hanno pubblicato video e foto che li mostrano caricati su autobus e portati via. «È difficile ora capire cosa succederà ai soldati ucraini, che sono prigionieri di guerra: non è escluso che saranno al centro di uno scontro diplomatico tra Russia e Ucraina», annota il Post.

Uno scambio di prigionieri ma non soltanto, con la possibilità per la Russia, in grave crisi di consensi internazionali, di sottolineare l’accusa di neonazismo rivolta sia ai vertici politici ucraini che a quel battaglione di militanti della svastica, queste almeno le origini, che ha poi arruolato nel suo esercito.

«Leggi internazionali pertinenti»

Anche Putin si è espresso sui prigionieri: «Saranno trattati secondo gli standard delle leggi internazionali pertinenti». Già, ma quali? La partita orrenda ma politicamente strategica dei ‘crimini di guerra’. Chi li decide, chi li punisce, che eventualmente li grazia.

La legge internazionale è la terza Convenzione di Ginevra, che prevede che i prigionieri di guerra siano trattati «con umanità», e, in teoria, i prigionieri di guerra non possono essere processati dal paese che li detiene per aver partecipato ai combattimenti, a meno che non siano sospettati di aver commesso crimini di guerra, come per esempio l’uccisione indiscriminata di civili.

Secondo Amnesty Italia: «I prigionieri di Azov vanno processati all’Aja». Secondo la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, i soldati ucraini che non hanno bisogno di cure saranno condotti in un’ex colonia carceraria della città di Olenivka, nella regione di Donetsk.

Fonti ucraine precisano che si tratterebbe della Colonia penale numero 52, «una delle più temute prigioni russe nei territori occupati», scrive Eleonora Martini sul Manifesto.


L’ala dura della politica russa, leggo ancora su Remocontro, propone di considerare quei prigionieri come «criminali nazisti», quindi “organizzazione terroristica”, a impedire uno scambio di prigionieri.

«Ora, i soldati del battaglione Azov, di storica fede nazista, potrebbero essere giudicati in un tribunale di Donetsk? Rischiano la pena di morte? Di quali capi di imputazione potrebbero essere accusati?»

Amnesty International Italia

Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia che nel 2016 aveva investigato sui crimini commessi da quel battaglione durante la guerra del Donbass, spiega: «Come prigionieri di guerra, non possono subire un processo da un tribunale di un soggetto nazionale non riconosciuto. Hanno commesso crimini durante la guerra del 2014 sì, ma per quei crimini possono essere processati solo da un tribunale ucraino. Sarebbe un arbitrio farlo altrove, in Russia o nei territori ora occupati».

Non un bis di Guantanamo

«Come era un arbitrio da parte degli Usa considerare Guantanamo fuori dalla protezione dalla Convenzione di Ginevra, anche il processo che sta terminando in Ucraina contro il soldato russo – anche se in questo caso egli viene accusato di un singolo omicidio – non trova grande legittimità perché è un processo istituito in tempo di guerra con poche garanzie per il diritto di difesa. Bisognerebbe affidare tutto al Tribunale penale internazionale».

In Russia la pena di morte è soggetta ad un moratoria, precisa Noury. «Il pericolo perciò – conclude – è che, dati i tempi, potrebbero essere emanate disposizioni per ripristinarla». Appositamente per i prigionieri di Azovstal.


  • Reader’s 3 Ottobre 2022. Rassegna Web
    “La ritualità del congresso sarebbe accanimento terapeutico”. A chiedere lo scioglimento del PD non è soltanto Rosi Bindi, ex presidente del Partito Democratico dal 2009 al 2013 oltre che ministra della Salute. Bindi ha firmato un appello insieme ad altre venti personalità del mondo cattolico. Tra cui Domenico De Masi e Tomaso Montanari. Dove si dice che la sconfitta alle elezioni […]
  • Reader’s 1-2 ottobre 2022. Rassegna web
    Ma davvero qualcuno pensa, non solo negli Stati uniti, ma soprattutto in Europa dove più si pagano le conseguenze di questa guerra per procura, che dopo un relativo successo della controffensiva ucraina il governo russo avrebbe detto: “ci ritiriamo, scusate il disturbo, non avevamo previsto che l’invio delle armi occidentali avrebbe fatto la differenza”? Come riferisce oggi Ennio Remondino sul suo Remocontro: “Kiev rispetti la volontà popolare, cessi il fuoco e torni al tavolo del negoziato, noi siamo pronti ” ha invece dichiarato Putin al termine della cerimonia di annessione. Ma “con Putin Presidente negoziato impossibile”, ha risposto 18 ore fa Zelensky.
  • Reader’s 30 settembre 2022. Rassegna web
    L’atlantismo acritico del segretario del PD, tanto “fervente” da considerare incompatibile perfino un’accordo elettorale con i Cinquestelle, è risultato determinante per la vittoria del centro destra. Che ci sia stato non un semplice sbaglio ma un errore calcolato è la tesi sostenuta da Marco Montelisciani nell’articolo che vi propongo dall’ ultimo numero della rivista del Centro per la Riforma dello Stato. Dove si prova a spiegare anche come e perché il voto popolare per Conte “ha sconfitto la strategia del voto utile e la finzione del bipolarismo”. Per cui oggi “la sinistra è davanti all’ennesimo bivio”. 
  • Reader’s 29 settembre 2022. Rassegna web
    Ma non ha vinto il fascismo. Ha vinto il sistema che con tanto trasporto e accanimento e falso messianismo, abbiamo creato. Il sistema che si fonda e si conserva costruendo il nemico: sul piano internazionale e sul piano interno, perché non ci può essere su un piano se non c’è anche sull’altro.I social sono null’altro che delle “piazze”, che la moderna tecnologia ci mette a disposizione: piazze virtuali, che si sono aggiunte da qualche anno a quelle reali, da tempo immemorabile luogo abituale di incontro e frequentazione tra persone di vario tipo e livello. Dire “io non frequento i social” o, addirittura, “io schifo i social” equivale a dire “io non scendo mai per strada e non vado mai in piazza, perché schifo le persone che le frequentano”. Come se tutte le persone che frequentano strade e piazze fossero lo stesso tipo di persone; mentre non è così./
  • Reader’s – 28 settembre 2022. Rassegna web
    Probabile sabotaggio del gasdotto Nord Stream. Guerra di chi per arrivare a cosa? di Ennio Remondino Nord Stream, l’ipotesi di un attacco ai gasdotti. Secondo fonti del governo tedesco, «un incidente è altamente improbabile»: per Berlino entrambe le linee sarebbero state «attaccate». Da chi e per ottenere cosa? «All’origine dell’agguato potrebbe esserci l’Ucraina o un suo alleato. Oppure […]



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: