Reader’s – 2 novembre 2022. Rassegna web

Guerra in Ucraina, trapelano le prime informazioni sulle armi inviate dall’Italia

Per avere un’idea del coinvolgimento anche del nostro paese nella guerra in corso tra Russia ed Ucraina basta leggere i giornali come La Repubblica o lindipendente.online, che riportano le “indiscrezioni” sulle nostre armi inviate a Kiev. “Tra le armi che l’Italia ha donato all’Ucraina vi sarebbero alcune delle dotazioni più moderne a disposizione del nostro esercito e della NATO. Tra questi figurerebbero anche i MLRS, armi a lunga gittata che, nelle dichiarazioni del vice capo del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev, avrebbero sensibilmente aumentato il rischio di un’escalation verso un conflitto mondiale.

Insieme ai MLRS, l’Italia avrebbe inviato anche i PZH2000, obici semoventi che dispongono di un cannone da 155 millimetri a caricamento automatico e direzione di tiro computerizzata, capaci di colpire obiettivi fino a 40 chilometri di distanza (che arrivano a 70, se caricati con munizioni speciali) sparando venti proiettili in tre minuti. Dei 68 PZH2000 dei quali dispone il nostro Paese, 6 stanno per essere inviati a Kiev, che avrebbe intenzione di schierarli a Bakhmut, città chiave dei combattimenti di questi giorni.

Documento del Pentagono sulla nuova Strategia di Difesa Nazionale 2022 (NDS)

Le preoccupazioni aumentano dopo aver letto o udito non solo le minacce di Putin ma anche il documento sulla nuova Strategia di Difesa Nazionale 2022 (NDS) scritto dal Pentagono su indicazione di Biden. “Si tratta – scrive lindipendente – “di una vera e propria rivoluzione nella dottrina internazionale relativa all’uso e al significato delle armi nucleari e, nello specifico, nell’intera architettura di sicurezza militare statunitense.

Le armi nucleari vengono equiparate agli armamenti convenzionali. Si superano esplicitamente i principi del “No first use” e del “Sole Purpose policies”, cioè del “mai usare il nucleare per primi” e del valore di esclusiva deterrenza del possesso del nucleare. Il documento esplicita che anche in caso di attacchi con armi “convenzionali”, gli Stati Uniti potranno rispondere con ordigni atomici, qualora lo ritengano indispensabile per la sicurezza nazionale o della NATO.

“Questo perché? Perché – dice Biden – stiamo attraversando un «decennio decisivo», tanto grave è la sfida che Russia e Cina stanno portando al dominio statunitense.

Parole simili a quelle usate da Putin pochi giorni fa (citate nel mio post pubblicato su reblab.it), quando ha sottolineato che «il mondo sta entrando nel suo decennio più pericoloso, imprevedibile e importante dalla fine della seconda guerra mondiale».

La “deterrenza integrata”

“Deterrenza integrata significa utilizzare tutti gli strumenti a disposizione del Dipartimento della Difesa per garantire che i potenziali nemici comprendano la follia dell’attacco”, ha sottolineato il Segretario alla Difesa Lloyd Austin in una nota che accompagna il documento. Tra l’altro, la nuova strategia è stata redatta in parallelo per la prima volta insieme alla Nuclear posture review e la Missile defense review, i due documenti strategici definiscono la postura delle forze nucleari americane.

Biden e gli Stati Uniti perseguono allora un nuovo livello di sviluppo di quella che chiamano la «deterrenza integrata» (sicurezza nazionale, scudo antimissile, atomica). L’obiettivo, come dice il Segretario alla Difesa Lloyd J. Austin, è rendere «evidente a tutti una verità cristallina: che il costo dell’aggressione contro gli Stati Uniti o i nostri alleati e partner supera di gran lunga qualsiasi guadagno immaginabile».

“Abbiamo condotto una profonda revisione di un largo spettro di opzioni sulla politica di dichiarazioni nucleari – incluso il No First Use e il Sole Purpose policies – e abbiamo concluso che questi approcci potrebbero comportare un livello di rischio inaccettabile alla luce della gamma di capacità non nucleari che vengono schierate e progettate dai nostri avversari, tali da infliggere danni strategici agli Usa e ai nostri alleati”, si legge nel report del Pentagono.

Ciò significa che anche in caso di attacchi con armi “convenzionali”, gli USA – qualora lo ritengano necessario per la sicurezza nazionale o degli alleati – potrebbero rispondere con ordigni atomici. Cosa non prevista fino alla pubblicazione del rapporto in questione e ancora ora esclusa da tutte le altre potenze dotate di testate atomiche. Ma agli occhi di Washington, la situazione attuale giustificherebbe anche l’uso “preventivo” delle armi atomiche, in quanto si tratta di difendere quello che i vertici americani ed europei definiscono l’“ordine basato sulle regole”.


Eco-imbruttimento

di Massimo Marnetto

Pale eoliche, pannelli sulle tegole, campi fotovoltaici: per avere energia pulita ci si deve rassegnare alla ”bruttificazione” del paesaggio? Non è detto. Le pale eoliche dobbiamo abituarci a considerarle come nuovi mulini. Per i tetti, si stanno realizzando tegole fotovoltaiche sempre più simili a quelle tradizionali. I ”campi eolici” invece consumano suolo pregiato, pianeggiante e fertile. E allora?

La soluzione è impiantare pannelli su edifici e capannoni già esistenti. Anzi, la ricerca deve arrivare a renderli calpestabili per annegarli nei marciapiedi e in nastri nelle corsie di emergenza delle autostrade. Si arriverebbe a disporre di enormi superfici di generazione, da affiancare all’incremento delle Comunità di Energia Rinnovabile condominiali, già esistenti e favorite da incentivi del PNRR.


Il confronto alimenta l’insoddisfazione?

di Giovanni Lamagna

Nel capitolo intitolato “Il confronto alimenta l’insoddisfazione” (del libro “La quiete della mente”; Ubaldini Editore; 2021; pag. 44-45) Jiddu Krishnamurti sostiene la tesi che gran parte del malcontento che affligge noi umani dipenderebbe dal fatto che tendiamo a fare continui paragoni, a confrontarci con gli altri “per stabilire chi ha di più o chi ha la cosa migliore”. A paragonarci “senza soste con il nostro superiore, con il santo, con il ricco o con l’uomo al potere. O addirittura con un ideale o un’immagine che noi stessi ci siamo costruiti.” Secondo Krishnamurti, questo costante mettersi a confronto genererebbe il nostro malcontento.

Io non condivido quasi per nulla o condivido solo molto parzialmente una simile idea. Sono senz’altro d’accordo con Krishnamurti quando sostiene che sia sbagliato misurarsi nel confronto con gli altri; soprattutto quando questo confronto genera invidie e gelosie, che sono stati d’animo oltremodo malsani, che intossicano la nostra psiche e le nostre relazioni con gli altri.

una sana e positiva emulazione

Sono molto meno d’accordo con Krishnamurti, quando il confronto con gli altri genera una sana e positiva emulazione; sana e positiva perché attiva la parte migliore di noi, mette in moto le nostre energie, ci rende persone attive e in movimento e non statiche e passive.

Sono ancora meno d’accordo con Krishnamurti, anzi non lo sono per niente, quando il confronto avviene con un nostro Ideale dell’Io, quella che potrei definire anche la nostra vocazione interiore.

Perché sono profondamente convinto che l’uomo, per sua natura, sia portato a trascendersi, a diventare altro da sé, o meglio a diventare ciò che in sé è potenziale e non ancora in atto; a diventare in altre parole sé stesso. Proprio ciò che Krishnamurti contesta, ravvisandolo come causa fondamentale del nostro malcontento.

Io, invece, penso che l’uomo senza questa spinta fondamentale a trascendersi sia destinato a ripiegare su stesso e a immalinconirsi; che stia proprio qui anzi una delle ragioni del suo malcontento, in certi casi persino della sua infelicità. Questa è almeno la mia esperienza.


  • Reader’s – 1 dicembre 2022. Rassegna web
    E’ la più grande forma di criminalità organizzata del Paese: la santissima cosca degli evasori. Il suo fatturato di 140 miliardi è dieci volte quello della droga. E come ogni famiglia che si rispetti, impone il pizzo agli onesti. Ovvero ai contribuenti con ritenuta alla fonte, che pagano un’addizionale occulta per farsi carico del nero dei picciotti. Ma mentre vessa, la cosca si dichiara cristiana, prega la vergine e alza il rosario./Camera, maxi-bonus di Natale per i deputati di 5500 euro: scoppia il caso / L’uomo e la legge /Macron a Washington con le lamentele dell’Europa su guerra e prezzo del gas.
  • Reader’s – 30 novembre 2022 Rassegna web
    Riunione dei ministri degli Esteri dell’Alleanza Atlantica. Fra gli invitati anche i rappresentanti di Finlandia e Svezia (da giugno in attesa delle ratifiche per entrare ufficialmente nella NATO), dell’Ucraina e, per la prima volta, del ministro degli Esteri della Moldavia. Al centro della discussione ovviamente l’emergenza ucraina (La capitale resta al buio ma Kiev: «Ci servono missili»): aumento del supporto militare e il possibile rafforzamento del lato orientale della NATO, ma anche forniture extra di aiuti civili. NATO a Bucarest dove la crisi Ucraina nacque: più unita o più divisa che mai? Con l’intensificarsi dei bombardamenti russi alle infrastrutture energetiche, molti ucraini dovranno affrontare il gelido inverno senza elettricità. Un’ulteriore arma a disposizione del Cremlino ma, avverte la NATO, gli aiuti non mancheranno.
  • Reader’s – 29 novembre 2022. Rassegna web
    Finalmente di Massimo Marnetto* Finalmente il Governo indebolirà intercettazioni e Agenzia delle Entrate: via libera a corruttori ed evasori per non disturbare il crimine del fare, il vero volano dell’economia nazionale, troppo spesso frenato da un legalismo castrante. Inoltre, l’evasione sarà depenalizzata, riconoscendo così il sacrosanto diritto ad ogni cittadino di mettere le mani nelle […]
  • Reader’s – 28 novembre 2022. Rassegna web
    La frana di Ischia e la cemento-filia, di Massimo Marnetto/ No al condono ma sì alla riforma del catasto, di Roberto Seghetti / Il peso del carico residuale, di Nadia Urbinati / Aboubakar Soumahoro e gli innocenti,di Alessandro Ghebreigziabiher
  • Reader’s 26/27 novembre 2022 – rassegna web
    «Bergoglio non si è limitato a una posizione morale e sostanzialmente declamatoria», la premessa di Marco Politi, vaticanista di lungo corso e di grande attenzione. «Settimana dopo settimana ha delineato una linea tutta politica, alternativa alla narrazione istituzionale e mediatica prevalente in Occidente secondo cui, non essendo equiparabili le ragioni dell’aggredito e dell’aggressore, bisogna unicamente sostenere lo sforzo bellico dell’Ucraina fino alla sconfitta dell’invasore». Le ripetute perorazioni a tener conto delle «legittime aspirazioni» di ogni parte, evitando l’escalation militare ma anche quella verbale. Una posizione di equilibrio anche sui mai abbastanza citati torti della Nato che a noi laici costavano l’accusa di ‘filo putiniani’
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: