Reader’s, 19 giugno 2022

da Remocontro, 18 giugno 2022

Dopo i primi 100 giorni della guerra russa contro l’Ucraina, l’opinione pubblica europea è ancora unita nel sostenere la posizione politica e le scelte dell’Unione europea? Si chiede Remocontro commentando i risultati del sondaggio dell’European Council on Foreign Relations. Le posizioni più pacifiste, costi quel che costi agli ucraini e ai loro diritti. E quante persone invece preferirebbero una giusta mediazione tra il silenzio delle armi e il ripristino della legalità internazionale. Gli italiani sono i più scettici sulle esclusive responsabilità di Putin e i più preoccupati della recessione economica.

European Council on Foreign Relations

Il sondaggio pubblicato ieri dall’ European Council on Foreign Relations, un tink tank fondato nel 2007 da intellettuali, attivisti e ex membri delle istituzioni di 27 Paesi europei, rileva che l’unità dell’opinione pubblica europea inizia a mostrare nuove crepe, nuove fratture che dividono i Paesi e attraversano le stesse nazioni. Esempio di casa, l’Italia è il Paese più «pacifista», ma anche più restio a riconoscere la responsabilità di Putin rispetto alle scelte della Nato.

Alcuni dati dal rapporto dettagliato

«Oltre l’80% degli intervistati in Polonia (83%), Svezia (83%), Finlandia (90%) e Gran Bretagna (83%) considera la Russia responsabile di questa guerra», è uno dei risultati chiave dell’indagine svolta in nove Stati membri dell’Ue (Finlandia, Francia, Germania, Italia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna e Svezia) e in Gran Bretagna. Una percentuale che si riduce un po’ in Germania (66%) e in Francia (62%), ma crolla decisamente in Italia con un 56%.

La Russia super nemica

In tutti i Paesi tra cui si è svolto lo studio, «la maggioranza, o una pluralità di cittadini, vede la Russia come l’ostacolo principale ad eventuali accordi di pace, con alte percentuali in Finlandia (87%), Svezia (82%), Gran Bretagna (76%), Polonia (74%) e Spagna (69%)». Una opinione di responsabilità principale di Mosca che si attenua in Romania (42%) e in Italia (39%). Russia la più colpevole per tutti, «Ma gli italiani sono i più scettici riguardo al ruolo della Russia nello scoppio della guerra». Analisi critica e controcorrente del 35% degli intervistati c he incolpano l’Ucraina, gli Stati Uniti o l’Ue.

Prima la pace poi la giustizia

Mediamente, tra gli 8.172 intervistati europei tra il 28 aprile e l’11 maggio 2022, «il 35% è a favore della pace ed il 22% della giustizia. Un altro 20% può essere considerato come un gruppo composto da “indecisi”, dove sono inclusi coloro che non sanno scegliere tra gli imperativi di pace e giustizia, ma sostengono comunque l’azione dell’Europa in risposta alla guerra. Il gruppo della pace è sostenuto -rivela il sondaggio-, principalmente dagli italiani, precisamente il 52%, mentre «i polacchi sostengono fortemente il gruppo della giustizia, con il 41% che desidera punire la Russia ed è a favore del ripristino dell’integrità territoriale dell’Ucraina».

Relazioni con Mosca

«La maggioranza degli intervistati ritiene che i governi nazionali dovrebbero interrompere le relazioni economiche, diplomatiche e culturali con Mosca», con le ormai quasi ripetitiva differenze. La più ‘anti russa’ in questa particolare classifica è la Polonia, per ovvie ragioni di affinità e timori storici e anche perché -spiega il Consiglio europeo delle relazioni estere-, «il governo di Varsavia ha accolto più della metà degli ucraini in fuga».

Tra l’accogliere e il dare

Sulla questione dei profughi, sostiene gli sforzi del proprio governo nazionale per il reinsediamento dei rifugiati ucraini il 91% dei cittadini in Finlandia, il 90% in Svezia, l’83% in Portogallo e Spagna, l’82% in Gran Bretagna e il 76% in Germania, il dato si riduce invece proprio in Polonia, con “solo” il 71% degli intervistati propenso ad accogliere i profughi ucraini. L’Italia penultima con il 75%.

Petrolio a gas russi

Il 58% degli europei vuole poi che l’Ue riduca la sua dipendenza dal petrolio e dal gas russo, «anche a scapito degli obiettivi climatici». Lo vogliono in particolare coloro che vivono in Finlandia (77%), Paese «che importa la maggior parte del gas dalla Russia». In generale, sembra però che gli europei inizino ad abituarsi alla guerra e a preoccuparsi soprattutto dell’«interruzione dei commerci, l’aumento dei prezzi dell’energia e l’inflazione», sottolinea Eleonora Martini sul Manifesto. Oltre che delle armi nucleari in mano al Cremlino.

Troppa guerra, poca attenzione al sociale

Il 42% degli intervistati ha affermato «che i propri governi dedicano troppo tempo alla guerra in Ucraina» invece che ad altri problemi. «Ma la guerra – avverte l’Ecfr-, è come le montagne russe: l’opinione pubblica può cambiare ad ogni svolta, ed è anche un motore estremamente potente». Forse il segnale più preoccupante è che la maggior parte degli europei vede l’UE come uno dei principali perdenti della guerra, piuttosto che interpretare la sua relativa unità come un segno di un’unione rafforzata.

Vecchie e mai superate divisioni Ue

Rimane dunque il pericolo che i campi di pace e giustizia possano ancora diventare elemento di divisione e scontro «come furono i debitori ei creditori nella crisi dell’euro dei primi anni 2010. Se questo accadrà e se l’UE viene immobilizzata dalle sue stesse divisioni, allora la guerra potrebbe segnare l’emarginazione permanente dell’Europa sulla scena mondiale».

Suggerimento European Council

L’opinione pubblica europea ha rafforzato l’unità dell’UE di fronte all’invasione russa dell’Ucraina ma tocca ora ai leader europei sostenere questa unità, che nello scorrere della guerra sembra accentuare invece le differenze tra l’Europa baltica confinante col teatro di guerra, l’Europa centrale della leadership economica da salvare, e l’Europa del sud più a rischio economico per debito pregresso e altra minaccia migratoria.


  • Reader’s – 5 / 6 febbraio 2023 rassegna web
    Cospito peserà sulle coscienze. Altro che citare a pappagallo l’indifferenza è reato. Occorre riprendere a tessere una politica realmente alternativa a quella della destra che fa esattamente la sua politica. Oggi se la prendono con i ragazzini in piazza, puniscono con durezza i lanciatori di vernice lavabile che si battono per salvare la terra, domani continueranno. È il loro modo di essere, non lo scopriamo adesso.   Ma se ha senso la democrazia, occorre ripensare alla banalità del male, soprattutto quando veste la disumanità delle istituzioni.
  • Reader’s – 4 / 5 febbraio 2023. Rassegna web
    Il molisano Michele Prospero, ordinario di Filosofia del diritto all’Università “La Sapienza” di Roma, pur essendo relativamente giovane (63 anni) è, tra gli intellettuali marxisti più noti, un avversario accanito di quelle che chiama le “soluzioni nuoviste” per la sinistra italiana, a cominciare da Conte e i Cinque Stelle. Non sorprende che tra le candidature […]
  • Reader’s – 3 febbraio 2023. Rassegna web
    Attuale piú che mai, l’ironia del titolo di un film tra i più noti di Alberto Sordi non era che l’amaro sorriso su una brutale verità. Troppi sottovalutano il ruolo dei produttori e commercianti di armi nel fomentare ogni genere di conflitto su cui fondano le proprie fortune. Ignorano o fingono di ignorare che si tratta di un interesse analogo a quello dei produttori di qualunque bene superfluo nel creare o favorire le condizioni che ne sollecitano l’acquisto. Con margini di guadagno che non hanno paragoni con altri beni di consumo. E poiché non c’è difesa senza offesa e l’una e l’altra mutano facilmente a seconda del punto di vista, la destinazione delle armi è dal punto di vista del fabbricante (o del commerciante) del tutto indifferente.
  • Reader’s – 2 febbraio 2023. Rassegna web
    Il caso Donzelli. Ma un’informazione ”sensibile” è segreta o no? In Italia tutto è vago, affinché la responsabilità non si consolidi mai. Così quando il Ministro Nordio spiega in aula la natura delle rivelazioni di Donzelli qualificandole ”sensibili”, in realtà fa melina. Dice e non dice, ribadisce ma rimanda, non si nasconde ma svicola. / L’incoerenza del governo Meloni /Altra perquisizione FBI in una casa di Biden (come con Trump). America politica tra caos e guerra /Quando ancora si chiamava Albo.
  • Reader’s – 1 febbraio 2023. Rassegna web
    A chi rispondono i consiglieri di amministrazione della RAI per il loro mandato? Domanda retorica rivolta ieri dal segretario dell’Usigrai Daniele Macheda. Perché a chi rispondono lo sanno ormai quasi tutti, figuriamoci quelli come me, che all’Usigrai ho dedicato un bel po’ di anni. Li chiamiamo “editori di riferimento”, da quando Bruno Vespa usò questo […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: