Reader’s – 12 gennaio 2023. Rassegna web

Lo “scherzetto” di Piantedosi

Alessandro Gilioli su FB

E’ molto divertente lo scherzetto che Piantedosi ha tirato ai migranti della Geo Barents, dico farli navigare fino ad Ancona con onde alte tra i due e i tre metri, costringere anche quelli che stanno male a salire sul ponte più alto perché quello di sotto si è allagato, mi sembra uno scherzo proprio divertente. Sai le risate al Viminale, mentre quelli dopo aver attraversato il deserto, essere stati rinchiusi nei lager ed essere stati ustionati dalla benzina fuoriuscita sul gommone, ora si beccano anche questa rottura di coglioni di fascista.


Esiste una Internazionale sovranista? Trump-Bolsonaro, il Brasile, ma non solo

da Remocontro

Sovranismo e destra – Brasilia dei giorni scorsi, e in questi giorni il populismo violento in Perù, 17 morti ieri – che spesso si somigliano nelle loro peggiori espressioni. L’ex presidente Bolsonaro che preannuncia ritorno e rivolta, e l’ex presidente Castillo che in Perù incita i manifestanti alla lotta armata con accuse di golpismo contrapposte. Ma il quesito chiave riguarda il Brasile. Esiste una trama internazionale a unire tanti episodi di destabilizzazione violenta?
È Donald Trump il vero regista dell’assalto ai palazzi delle istituzioni che hanno sconvolto Brasilia l’8 gennaio, due anni e due giorni dopo i terribili fatti di Capitol Hill a Washington?

I dubbi di un insospettabile

«Le affinità tra l’ex presidente americano, Bolsonaro e quanto sta accadendo in Perù sono molte». riconosce Federico Rampini, l’insospettabile di antiamericanismo prevenuto, sul Corriere della Sera. Una Internazionale sovranista e Donald Trump il vero regista dell’assalto ai palazzi delle istituzioni del Brasile a fare il bis con Capitol Hill a Washington? «I sospetti circolano e c’è chi ha interesse ad accreditarli. Personaggi come Steve Bannon, l’anima nera di Trump, l’ideologo e il regista occulto della campagna elettorale del 2016, il quale ha sempre cercato di offrire i suoi servizi all’estero. Qualche volta ci è riuscito». Nella memoria di tutti le presenze europee e italiane di Bannon, e i suoi sostenitori. 

Trump inadeguato anche sul fronte golpista

Una cospirazione internazionale dietro i fatti del Brasile? «Trump ha un’evidente affinità di vedute con Bolsonaro e viceversa. L’amicizia fra i due è palese, dichiarata. Bolsonaro ha considerato l’ex presidente americano come il suo modello e ispiratore. Però Trump non ha mai avuto né la volontà né la capacità di presentarsi come il leader di un movimento internazionale. Un conto sono le simpatie e le idiosincrasie, altro è la costruzione di vere e proprie alleanze: quest’ultima è una fatica estranea alla personalità di Trump», afferma Rampini.

Trump-Bolsonaro leader perdenti

Il limite intrinseco del sovranismo. «Un’ideologia che mette al primo posto in modo così estremo l’interesse della nazione, mal si presta alla costruzione di coalizioni internazionali». Poi, osservazione più interessante per il prossimo futuro non solo statunitense, un Trump in calo di consensi nel suo stesso paese, nel segno insopportabile per lui-, del perdente. «Gli apprendisti stregoni hanno suscitato forze che non riescono più a controllare», ma non saranno loro a governare lo stesso caos politico che hanno seminato, sembra la conclusione più verosimile. Ma ora cambiamo autore, rimanendo sempre in America.

Negli Usa, al via le guerre personali

Con i repubblicani al controllo della Camera, hanno iniziato a scatenare la cascata di indagini sull’amministrazione Biden che avevano promesso da tempo, segnala il New York Times, che non è tenero. «Nella loro prima settimana come maggioranza di governo, i repubblicani alla Camera non hanno intrapreso alcuna azione significativa per affrontare l’inflazione e ridurre i costi degli americani», leggiamo, con l’accusa esplicita di azioni politiche a semplice richiamo mediatico «nel tentativo di attirare l’attenzione su Fox News».

La famiglia Biden nel mirino

Con Trump che rischia rielezione e persino la galera per evasione fiscale, subito la ritorsione politica contro Biden e famiglia. Pressioni del congresso sul Dipartimento del Tesoro per ottenere informazioni sulle finanze della famiglia del presidente Biden. James R. Comer, repubblicano del Kentucky che si è impegnato per mesi a indagare sulla famiglia Biden. Sotto tiro Hunter Biden, il figlio del presidente, le cui attività commerciali sono sotto inchiesta federale, con aspetti spionistici sul laptop di Hunter ora nelle mani dello staff del deputato inquisitore. La faccia meno pulita dell’America.

E ora che il ‘signor Comer’ ha il potere di citare in giudizio, è nella posizione di espandere e intensificare la sua inchiesta. Ha ripetutamente affermato che la sua attenzione si concentrerà sull’occupante della Casa Bianca. “Questa è un’indagine su Joe Biden”, ha detto.


Scuola-lavoro

di Massimo Marnetto

E’ ora di abolire l’alternanza scuola-lavoro. Non solo per la morte di alcuni studenti, ma perché non è giusto togliere tempo alla maturazione mentale, per derubricarlo ad allenamento lavorativo. Solo nella scuola i ragazzi ricevono stimoli riflessivi e comportamentali, che creano in loro cultura e socialità.

Uno studente che entra in aula pone domande implicite: scusate, io sono nato da pochi anni: mi raccontate che ha fatto l’umanità fino ad ora? Quali sono i valori che ci guidano e perchè? Ci vogliono anni per dare queste risposte e l’ultima verifica che conclude gli studi obbligatori non si chiama prova di abilità, ma esame di maturità. Chi entra nel mondo del lavoro ha bisogno di sapere qual è il suo posto nella società; per gestire un software o un macchinario avrà un apprendistato specifico in azienda. Ma nel tempio dell’istruzione. i mercanti non devono entrare.


Ordinario e straordinario

di Giovanni Lamagna

E’ un dato di fatto e di realtà: nella storia l’ordinario, cioè il mediocre, vince spesso (anzi quasi sempre) sullo straordinario. Lo straordinario, infatti, è tale proprio perché va oltre l’ordinario; è eccezionale perché fa eccezione alle regole.

L’Umanità, sui grandi numeri, preferisce accontentarsi dell’ordinario e del mediocre: aborre gli eroi e i santi; si tiene lontana dai loro stili di vita.

Tranne poi elevarli agli onori degli altari o costruire loro dei monumenti alla loro morte, facendone dei modelli. Ma (quasi sempre) alla loro morte.

Dopo averli (quasi sempre) ignorati o addirittura disprezzati o, peggio, perseguitati mentre erano ancora in vita.


  • Reader’s – 31 gennaio 2023. Rassegna web
    Se l’incoscienza di qualche potente, magari alimentata anche da una sciagurata corsa agli armamenti, è giunta al punto di prendere in considerazione il rischio di un conflitto mondiale per l’Ucraina, la sola possibilita’ di salvare il pianeta da un disastro definitivo è la stessa deterrenza tra i blocchi che lo ha salvato nei settant’anni trascorsi. E l’equilibrio del terrore richiede che la Cina, pur restandone saggiamente al di fuori pensando ai suoi guai col Covid e alla sua economia, non rinneghi la solidarietà politica con la Russia. Ne scrive oggi Piero Orteca su Remocontro. La rassegna prosegue con alcune considerazioni di Alessandro sulla candidatura di Cuperlo alla segreteria del PD, resa improbabile dal troppo tempo trascorso in una lodevole quanto rassegnata opposizione. Seguono un breve commento di Marnetto sul caso Cospito e un’interessante accostamento di Dio all’inconscio proposto da Giovanni Lamagna. Buona lettura (nandocan)
  • Reader’s – 30 gennaio 2023. Rassegna web
    A chi mi chiede se voterò alle primarie rispondo di sì, anche se non ho più rinnovato la tessera da quando Matteo Renzi decise di mobilitare il partito per quell’obbrobrio di riforma costituzionale che era il progetto Renzi-Boschi. Per Elly Schlein, naturalmente, come l’amico Cipriani, l’unica che mi pare dia qualche garanzia di fare […]
  • Reader’s 28 gennaio 2023 rassegna web di
    Insomma, solo determinate organizzazioni depositarie del marchio “massoneria” possono fregiarsi di essere massoniche. In Italia non vi è una legge al riguardo e ciò avrebbe favorito la proliferazione di moltissime organizzazioni sedicenti massoniche il cui scopo è l’affarismo e non certo “l’arcana sapienza”.
  • Reader’s – 27 gennaio 2023. Rassegna web di
    è chiaro che a “resistere” sono, di fatto, Nato, USA, UE mentre gli ucraini mettono “solo” decine di migliaia di morti, militari e civili, cinicamente sacrificati alla duplice e speculare follia di risolvere una controversia fra Stati attraverso una violenza che né riesce a respingere l’invasione russa, né consente ai russi di costringere l’Ucraina alla resa
  • Reader’s – 26 gennaio 2023 rassegna web
    Sul Corriere della Sera il dubbio ben rappresentato dalla illustrazione di Doriano Solinas. «C’è il pericolo che il gigantesco sforzo finanziario determini profitti per i produttori di armi più che apprezzabili risultati politici e la pace in Ucraina». Massino Nava sull’Europa e l’Occidente nella corsa al riarmo, dopo che Piero Orteca ci ha detto dell’economia russa che va molto meno peggio di quanto vorrebbero i suoi molti nemici. Mentre la nostra di casa paga di più sia le sanzioni che il gas non più russo. Conti economici da brivido, e molti dubbi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: