Paul Ginzborg per una nuova legge elettorale (7 ottobre 2010)video (03:33″)

E’ morto Paul Ginsborg. Apprendo con molta tristezza della morte di Paul Ginsborg, storico inglese naturalizzato italiano.

Caro Giovanni**, alla tua tristezza aggiungo la mia, che lo conobbi anche personalmente nella associazione “Libertà e Giustizia”, una delle poche a cui sono rimasto iscritto e fedele fin dalla fondazione del circolo romano. In L&G Paul Ginzborg è stato una delle colonne portanti.

Vorrei oggi tentare di rintracciare nelle prossime ore un video da me registrato in occasione del suo intervento ad una grande manifestazione nazionale per riformare il “porcellum” con una nuova legge elettorale. Tema che ben sappiamo essere ancora, a 12 anni da allora, di grande attualità e se non potesse andare avanti la proposta di un sistema proporzionale , giovarsi almeno della soluzione da Paul Ginzborg indicata in quella occasione.

Paul Ginzborg interviene alla grande manifestazione “Licenziamolo” contro il governo Berlusconi dell’ ottobre 2010

**da Giovanni Lamagna, 12 maggio 2022

Conoscevo Paul da molti anni, da quando divenne noto ad un pubblico ampio come uno dei protagonisti del movimento cosiddetto dei girotondini. Mi hanno sempre colpito di lui l’acuta intelligenza, la pacatezza dei toni, l’originalità di pensiero e (perché no?) anche una certa stravaganza nel suo modo di porgere le idee.

Ho avuto la possibilità e il piacere di conoscerlo di persona, quando sulla base fondamentalmente di una sua intuizione, nacque il movimento politico per un soggetto politico nuovo, che fu denominato ALBA. Esperienza purtroppo durata poco, troppo poco; come poco, troppo poco è durata la vita di Paul: molti di noi avrebbero avuto ancora bisogno di una persona come lui. Sapevo che da tempo lo aveva colpito una malattia che non gli lasciava speranza; che ora riposi in pace!

  • Reader’s – 5 / 6 febbraio 2023 rassegna web
    Cospito peserà sulle coscienze. Altro che citare a pappagallo l’indifferenza è reato. Occorre riprendere a tessere una politica realmente alternativa a quella della destra che fa esattamente la sua politica. Oggi se la prendono con i ragazzini in piazza, puniscono con durezza i lanciatori di vernice lavabile che si battono per salvare la terra, domani continueranno. È il loro modo di essere, non lo scopriamo adesso.   Ma se ha senso la democrazia, occorre ripensare alla banalità del male, soprattutto quando veste la disumanità delle istituzioni.
  • Reader’s – 4 / 5 febbraio 2023. Rassegna web
    Il molisano Michele Prospero, ordinario di Filosofia del diritto all’Università “La Sapienza” di Roma, pur essendo relativamente giovane (63 anni) è, tra gli intellettuali marxisti più noti, un avversario accanito di quelle che chiama le “soluzioni nuoviste” per la sinistra italiana, a cominciare da Conte e i Cinque Stelle. Non sorprende che tra le candidature […]
  • Reader’s – 3 febbraio 2023. Rassegna web
    Attuale piú che mai, l’ironia del titolo di un film tra i più noti di Alberto Sordi non era che l’amaro sorriso su una brutale verità. Troppi sottovalutano il ruolo dei produttori e commercianti di armi nel fomentare ogni genere di conflitto su cui fondano le proprie fortune. Ignorano o fingono di ignorare che si tratta di un interesse analogo a quello dei produttori di qualunque bene superfluo nel creare o favorire le condizioni che ne sollecitano l’acquisto. Con margini di guadagno che non hanno paragoni con altri beni di consumo. E poiché non c’è difesa senza offesa e l’una e l’altra mutano facilmente a seconda del punto di vista, la destinazione delle armi è dal punto di vista del fabbricante (o del commerciante) del tutto indifferente.
  • Reader’s – 2 febbraio 2023. Rassegna web
    Il caso Donzelli. Ma un’informazione ”sensibile” è segreta o no? In Italia tutto è vago, affinché la responsabilità non si consolidi mai. Così quando il Ministro Nordio spiega in aula la natura delle rivelazioni di Donzelli qualificandole ”sensibili”, in realtà fa melina. Dice e non dice, ribadisce ma rimanda, non si nasconde ma svicola. / L’incoerenza del governo Meloni /Altra perquisizione FBI in una casa di Biden (come con Trump). America politica tra caos e guerra /Quando ancora si chiamava Albo.
  • Reader’s – 1 febbraio 2023. Rassegna web
    A chi rispondono i consiglieri di amministrazione della RAI per il loro mandato? Domanda retorica rivolta ieri dal segretario dell’Usigrai Daniele Macheda. Perché a chi rispondono lo sanno ormai quasi tutti, figuriamoci quelli come me, che all’Usigrai ho dedicato un bel po’ di anni. Li chiamiamo “editori di riferimento”, da quando Bruno Vespa usò questo […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: