11. Socialismo partecipativo

Nelle società per azioni sono gli azionisti o disporre legalmente dell’intero potere, con diritti di voto proporzionali al numero di azioni detenute. Potremmo dire che il senso del capitalismo sta tutto qui. Il sistema di “socialismo partecipativo” qui descritto ha un unico obiettivo: quello di illustrare l’enorme diversità dei sistemi economici possibili. Sulla base delle esperienze storiche di cui disponiamo, è evidente che l’adozione di un tale sistema esigerebbe una fortissima mobilitazione popolare.

da “una breve storia dell’uguaglianza” di Thomas Piketty*

* Di questo libro ho pensato di proporre gradualmente sul blog, a scopo divulgativo, i brani che ritengo più significativi. La pandemia come la crisi politica, economica e ambientale che l’ha preceduta e accompagnata fanno oggi dell’ingiustizia sociale il problema più scottante per l’umanità. Nella sua “breve storia”, di cui raccomando la lettura integrale, Piketty scrive che “l’eguaglianza è una lotta che può essere vinta e nella quale ci sono sempre varie traiettorie possibili, che dipendono dalla mobilitazione, dalle lotte e da ciò che si apprende dalle lotte precedenti”.

**Thomas Piketty, professore dell’École des Haute Études en Sciences Sociale e dell’École d’Économie de Paris, è autore di numerosi studi storici e teorici che gli hanno fatto meritare nel 2013 il premio Yrjö Jahnsson, assegnato dalla European Economic Association. Il suo libro “Il capitale nel XXI secolo (2014) è stato tradotto in 40 lingue e ha venduto 2,5 milioni di copie.

Il capitalismo non ha nulla di naturale

Nelle società per azioni sono gli azionisti o disporre legalmente dell’intero potere, con diritti di voto proporzionali al numero di azioni detenute. Potremmo dire che il senso del capitalismo sta tutto qui, ma il fatto è che si tratta di un dispositivo istituzionale specifico, che non ha nulla di naturale e si è imposto solo gradualmente, nel quadro di circostanze e rapporti di forza specifici. 

In teoria, sono concepibili norme affatto diverse. Niente, per esempio, garantisce che gli azionisti abbiano più competenze del salariato aziendale per poter dirigere l’azienda, né che, a lungo termine, siano più coinvolti nel progetto economico che la stessa azienda porta avanti.

Il sistema detto di “cogestione”

In Germania, il sistema detto di “cogestione” (chiamato pure “codeterminazione”) consiste nella ripartizione dei seggi negli organi che dirigono le imprese (consiglio di amministrazione o di vigilanza) nella proporzione 50-50 tra i rappresentanti dei dipendenti e degli azionisti il sistema fu introdotto nel 1951 nei settori dell’acciaio e del carbone, poi esteso nel 1952 all’intero complesso delle grandi aziende (senza distinzione di settori).

Dispositivi analoghi vennero adottati in Austria, Svezia, Danimarca, Norvegia, dove le norme vengono applicate anche alle piccole e medie imprese. La cogestione risulta invece poco estesa al di fuori dell’Europa germanica e nordica.

La proprietà come un diritto assoluto e naturale

Viceversa, parecchi paesi tra cui la Francia hanno mantenuto, nei loro testi di riferimento, una definizione della proprietà vista come un diritto assoluto e naturale, quello formulato alla fine del XVIII secolo, per cui l’adozione di norme di cogestione alla tedesca, senza una revisione costituzionale, avrebbe avuto forti possibilità di essere contestata davanti ai giudici.

Il socialismo partecipativo e la condivisione del potere

Potremmo immaginare un sistema in cui da una parte i rappresentanti dei dipendenti avrebbero il 50% dei voti in tutte le imprese, comprese le più piccole, dall’altra la quota dei diritti di voto detenuta dal singolo azionista(del 50% dei diritti di voto riservati agli azionisti) non possa, nelle aziende abbastanza importanti, superare una certa soglia.

Il sistema di “socialismo partecipativo” qui descritto ha un unico obiettivo: quello di illustrare l’enorme diversità dei sistemi economici possibili. Sulla base delle esperienze storiche di cui disponiamo, è evidente che l’adozione di un tale sistema esigerebbe una fortissima mobilitazione popolare.

A parte la questione della cogestione, va ripensato a livello europeo e transnazionale il complesso dei diritti sindacali, agevolando l’adesione e la partecipazione dei dipendenti.

(continua con: 12. La grande redistribuzione”, 1914-1980)

  • Reader’s – 5 / 6 febbraio 2023 rassegna web
    Cospito peserà sulle coscienze. Altro che citare a pappagallo l’indifferenza è reato. Occorre riprendere a tessere una politica realmente alternativa a quella della destra che fa esattamente la sua politica. Oggi se la prendono con i ragazzini in piazza, puniscono con durezza i lanciatori di vernice lavabile che si battono per salvare la terra, domani continueranno. È il loro modo di essere, non lo scopriamo adesso.   Ma se ha senso la democrazia, occorre ripensare alla banalità del male, soprattutto quando veste la disumanità delle istituzioni.
  • Reader’s – 4 / 5 febbraio 2023. Rassegna web
    Il molisano Michele Prospero, ordinario di Filosofia del diritto all’Università “La Sapienza” di Roma, pur essendo relativamente giovane (63 anni) è, tra gli intellettuali marxisti più noti, un avversario accanito di quelle che chiama le “soluzioni nuoviste” per la sinistra italiana, a cominciare da Conte e i Cinque Stelle. Non sorprende che tra le candidature […]
  • Reader’s – 3 febbraio 2023. Rassegna web
    Attuale piú che mai, l’ironia del titolo di un film tra i più noti di Alberto Sordi non era che l’amaro sorriso su una brutale verità. Troppi sottovalutano il ruolo dei produttori e commercianti di armi nel fomentare ogni genere di conflitto su cui fondano le proprie fortune. Ignorano o fingono di ignorare che si tratta di un interesse analogo a quello dei produttori di qualunque bene superfluo nel creare o favorire le condizioni che ne sollecitano l’acquisto. Con margini di guadagno che non hanno paragoni con altri beni di consumo. E poiché non c’è difesa senza offesa e l’una e l’altra mutano facilmente a seconda del punto di vista, la destinazione delle armi è dal punto di vista del fabbricante (o del commerciante) del tutto indifferente.
  • Reader’s – 2 febbraio 2023. Rassegna web
    Il caso Donzelli. Ma un’informazione ”sensibile” è segreta o no? In Italia tutto è vago, affinché la responsabilità non si consolidi mai. Così quando il Ministro Nordio spiega in aula la natura delle rivelazioni di Donzelli qualificandole ”sensibili”, in realtà fa melina. Dice e non dice, ribadisce ma rimanda, non si nasconde ma svicola. / L’incoerenza del governo Meloni /Altra perquisizione FBI in una casa di Biden (come con Trump). America politica tra caos e guerra /Quando ancora si chiamava Albo.
  • Reader’s – 1 febbraio 2023. Rassegna web
    A chi rispondono i consiglieri di amministrazione della RAI per il loro mandato? Domanda retorica rivolta ieri dal segretario dell’Usigrai Daniele Macheda. Perché a chi rispondono lo sanno ormai quasi tutti, figuriamoci quelli come me, che all’Usigrai ho dedicato un bel po’ di anni. Li chiamiamo “editori di riferimento”, da quando Bruno Vespa usò questo […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: